L’Orologio Carica Meccanica

L’orologio a carica meccanica è il tipo più comune e diffuso di orologio da polso; l’organo motore è costituito dalla molla del bariletto, formata da una lamina di acciaio temperato avvolta a spirale su se stessa. Essa è fissata col suo estremo interno ad un albero e con quello esterno ad un bariletto entro cui è contenuta. La molla muove un treno, cioè una serie di ruote dentate che fungono da organi di trasmission, che a sua volta agisce sull’organo distributore, detto scappamento: lo scappamento ha il compito di regolarizzare, sotto il controllo dell’oscillatore, il moto intermittente dei rotismi e quindi delle lancette. Il moto uniforme è sincronizzato al tempo medio e il suo progredire è indicato da un quadrante e da una suoneria.

337E
Il meccanismo di carica serve per somministrare energia al motore riavvolgendo la molla su se stessa; tale operazione si compie facendo ruotare, mediante una chiave o più spesso mediante una piccola corona, un albero, che a sua volta fa girare tramite una serie di meccanismi l’albero della molla.

Negli orologi da tasca o da polso a caricamento automatico si sfrutta il movimento che imprime chi lo indossa, camminando o muovendo il polso: l’oscillazione di una piccola massa interna all’orologio, per effetto del movimento alternativo del braccio, agisce sulla ruota di carica.

La custodia o cassa èdi norma metallica (circolare, ovale o rettangolare); per gli orologi da polso le casse sono spesso in acciaio inossidabile a chiusura ermetica e stagna anche all’acqua in pressione.

 

297

Il quadrante, visibile attraverso un vetro (talvolta di plastica) fissato su un lunetta portata dalla cassa, reca le scale sui cui le lancette

forniscono gli elementi per la lettura: di norma si tratta di una scala per le ore e i minuti e di un’altra più piccola per i secondi.

Tra i meccanismi accessori si ricordano i dispositivi per la ricarica elettrica e i dispositivi di soneria. Nella soneria a sveglia, un apposito

Indubbiamente l’orologio meccanico ha una serie di vantaggi che inducono molti clienti a preferirlo all’orologio al quarzo. Innanzitutto si tratta di un sistema collaudato nel quale si può avere piena fiducia; inoltre è possibile ripararlo in qualunque parte del mondo. Per quanto riguarda l’orologio automatico, poi, ha il notevole vantaggio di ricaricarsi da solo.

A queste considerazioni si aggiunge il fatto che l’energia è naturale e pulita e non c’è bisogno di sostituirne la fonte (cioè non c’è la pila).comando, cui è solidale una lancetta sul quadrante, consente di fissare a piacere l’istante in cui la soneria entra in azione, mentre un pulsantino d’arresto consente di fermare lo squillo.